var _iub = _iub || {}; _iub.cons_instructions = _iub.cons_instructions || []; _iub.cons_instructions.push(["init", {api_key: "QLmdduIqe1Dwsbtue8Gt6WLL8DXNBsbI"}]);

il primo magazine sulla sostenibilità applicata

MACCHIE D'AGOSTO
I ricercatori studiano la relazione tra le tempeste solari e le tempeste finanziarie. Anche la razionalissima Fed, dal 2003, analizza le relazioni tra il geomagnetismo e l'andamento azionario.

Di primo acchito sembra la più stupida delle scuse che analisti che hanno cannato tutte le previsioni possano accampare facendo invidia al più spudorato degli astrologi. Se le violenze inglesi, i crolli delle Borse, il default sfiorato in America, la follia norvegese fossero colpa delle macchie solari?

Eppure alcuni ricercatori si sono chiesti seriamente se esiste un legame con la nostra stella. Ovvero: quanto ha influito la tempesta solare di inizio mese? Le enormi esplosioni sulla superficie del Sole registrate ai primi di agosto hanno generato un'estate di aurore polari. E non solo, secondo l'agenzia spaziale americana Nasa, all'inizio d'agosto il nostro pianeta è stato interessato da tre forti piogge di materiale solare.

Fenomeni che hanno un ciclo di 11 anni, e sono in ogni caso intensi. Il Sole attraversa infatti periodi ciclici di maggiore o minore attività  che si esprime con macchie solari, brillamenti o espulsioni di massa coronale (Emc), cioè ondate di plasma che interferiscono con il campo magnetico terrestre.

È noto negli ambienti scientifici che queste tempeste geomagnetiche possono incidere anche sull'uomo, alterando, per esempio, l'umore e di conseguenza i comportamenti. Alcuni studi hanno dimostrato negli anni che durante i periodi caratterizzati da disturbi della magnetosfera si registra un aumento dei ricoveri per depressione e un incremento del numero di suicidi terrestre rispetto ai periodi di calma.

Una ricerca della Federal Reserve di Atlanta del 2003 sosteneva che tempeste solari possono influenzare anche la Borsa, del resto - anche se tendiamo a dimenticarlo - è un'attività  esercitata in ultima analisi da "persone fisiche". Ciò ovviamente non esclude la casualità, anche se cause fisiche hanno già determinato crisi di sistema.

Nel crollo dell'impero romano contribuì non poco l'intossicazione da piombo delle tubature (la malattia si chiama saturnismo e induce demenza). I romani - fanatici delle terme - si esponevano sia quando bevevano, sia quando assorbivano la pericolosa sostanza con le continue abluzioni. Una ricerca appena uscita ha dimostrato che anche la grande regina egiziana Hatshepsut contrasse il cancro che la uccise prematuramente a causa del benzopirene contenuto nei suoi cosmetici.

Fenomeni chimici e, perché no, geomagnetici, possono dunque influenzare la storia. Gli esperti della National Oceanographic and Atmospheric Administration (Noaa) prevedono per il futuro un'intensificazione delle tempeste solari, fino a un picco previsto per il 2013. In attesa di verificarne gli effetti - forse anche gli astronomi Maya avevano osservato le bufere ricorrenti della loro principale divinità  e non se ne stupivano - pensiamo a come investire i risparmi in inverno...

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli