Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

ENERGIE RINNOVABILI

MA QUANDO ARRIVA QUESTO CONTO?

Categoria // Documenti, Work in Progress

I ritardi nell'emanazione del V Conto Energia stanno oramai generando gli stessi effetti di panico nel mercato già conosciuti non più di un anno or sono in occasione dell'emanazione del Decreto Romani.

MA QUANDO ARRIVA QUESTO CONTO?
E' quanto sostiene il comitato Ifi (Industrie fotovoltaiche italiane) per bocca del presidente Cremonesi.

"La priorità per gli operatori industriali nazionali è che venga confermata la premialità del Made In (Europe) negli stessi valori economici - 3 centesimi di euro a kWh - già proposti dalla Conferenza Unificata in data 6 giugno 2012, cumulabili con quelli di egual importo dedicati allo smaltimento dell'amianto, formalmente accettati verbalmente dallo stesso sottosegretario De Vincenti. Siamo disposti a rinunciare all'innalzamento della soglia dai 12 ai 20 kw per l'accesso al Registro e 'alla sanatoria' che vedrebbe gli impianti non entrati ancora in esercizio a beneficiare delle tariffe incentivanti del IV Conto".

La richiesta nasce dall'unico scopo di salvaguardare la filiera italiana che si è messa in gioco con investimenti indotti dalla presenza nel IV Conto di una premialità aggiuntiva per il Made In e che ora, alla luce delle tariffe proposte, rischia di diventare totalmente inefficace.

Su un altro versante, Anev, Anie-Gifi, Aper, Assosolare e Ises Italia richiamano l'attenzione dell'autorità per l'energia elettrica e il gas a dare giusto peso a tutte le fonti rinnovabili nell'interesse del Paese e delle imprese in una rinnovata politica energetica.

Secondo le Associazioni le dichiarazioni del Presidente dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas appaiono preoccupanti per l'intero sistema delle fonti rinnovabili elettriche: mettendo in competizione tra loro le diverse fonti rinnovabili sottraendo risorse alle rinnovabili elettriche per favorire invece le energie rinnovabili termiche e l'efficienza energetica, senza una ben precisa visione strategica del comparto industriale esistente che è tra i più attivi al mondo.

Le Associazioni che firmano l'appello ritengono invece che, essendo complementari tra loro, sia le fonti rinnovabili sia l'efficienza energetica debbano contribuire con pari dignità al soddisfacimento dei fabbisogni energetici, ambientali e sociali del Paese e si augurano che l'atteso nuovo Piano Energetico Nazionale sia ispirato a questi principi.

Pubblicato:

Martedì, 03 Luglio 2012

Condividi:

blog comments powered by Disqus