Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

LE PRIMARIE DELL'AMBIENTE/5

Categoria // Documenti, Work in Progress

Siamo arrivati all'ultimo candidato alle primarie del 25 novembre 2012. Ecco quindi le posizioni sull'ambiente di Bruno Tabacci.

Sul suo sito, nello scorrere il programma, non si trovano riferimenti espliciti al tema dell'ambiente e sostenibilità; si trovano invece due riferimenti indiretti e generali: uno al punto 3 della (struttura iniziale del programma): "E' necessario procedere a una piena liberalizzazione dei settori economici, dei mercati e delle professioni nell'interesse del cittadino consumatore, avendo l'attenzione di incidere su di un sistema di potere assai consolidato che alimenta e incoraggia i costi perversi della politica, attraverso una riforma profonda dei servizi pubblici locali" e uno dedicato al fisco dove al punto 5 si legge tra le proposte quella di "ridurre il numero delle società nate dalle ex municipalizzate mediante soppressioni e accorpamenti".
In Italia questi enti si occupano principalmente di servizi pubblici locali e dunque anche di servizi ambientali come il servizio idrico integrato, l'igiene urbana, l'energia.


In chiave ambientale e di sostenibilità si può interpretare anche il passaggio a proposito della durezzza della crisi paragonata in peggio a quella del 1929: "Anche noi avremo morti e feriti. Sul campo la struttura sociale subirà una dura prova, esattamente come in una guerra. Dovremo rinunciare alle vecchie abitudini e ai vecchi privilegi e dovremo riconquistare un nuovo equilibrio sociale".
Quanto questo nuovo equilibrio sarà debitore alla tutela ambientale, alle energie rinnovabili, alla mobilità sostenibile o alla difesa del territorio non è approfondito.

Con l'ultimo candidato abbiamo chiuso l'indagine sintetica sulle posizioni in materia ambientale. Ciscuno potrà valutare quanto tenere in conto l'argomento e chi lo ha sviluppato meglio. Ci torneremo sopra in occasione delle prossime consultazioni di ogni parte politica in vista delle elezioni regionali e nazionali..

Pubblicato:

Mercoledì, 21 Novembre 2012

Condividi:

blog comments powered by Disqus