SOSTENIBILITA' URBANISTICA

LA CITTÀ CHE PRENDE PER MANO I CITTADINI

Categoria // Cultura, Società

E' Santander, città sulle coste della Cantabria all'avanguardia nelle tecnologie applicate ai servizi urbani. Un esempio di vera smartcity che il sindaco del capoluogo spagnolo ha descritto recentemente a Bologna.

LA CITTÀ CHE PRENDE PER MANO I CITTADINI

Quando una città è "intelligente"? Quando non ti fa perdere le ore per cercare un parcheggio, ti informa su quando e come gettare i rifiuti e chimìama i soccorsi in caso di incidente.
Fantaurbanistica? In parte sì, ma in parte le smart city, le città intelligenti, cominciano a essere esempi concreti o almeno a essere prese molto sul serio (Milano per esempio ha un assessorato dedicato al tema).

Santander, la cittadina spagnola situata nel nord del golfo di Biscaglia e nota meta turistica, da due anni ha avviato l'integrale informatizzazione di tutta l'area urbana: dodicimila sensori registrano tutto quanto avviene e lo rimandano a un'unica piattaforma per coordinare tutti i servizi. Una struttura tecnologica unica, in cui un cervello centralizzato rimanda a tutte le attività periferiche.
Iñigo de la Serna , il giovane sindaco del capoluogo spagnolo è ingegnere civile e ha 41 anni, la figura giusta per descrivere al meglio l'innovativo progetto urbano. In realtà i progetti sono due, come ha spiegato il primo cittadino al recente convegno di Bologna tutto dedicato alle smartcity: uno è già operativo e si chiama realidad augmentada. "Basta puntare uno smartphone verso qualsiasi punto di Santander: se è un negozio, per esempio, ti dirà le sue caratteristiche; se è una linea di trasporti ecco gli orari, le fermate di autobus vicine e quando passeranno" racconta il primo cittadino.
Ancora in divenire invece Pulso de la ciudad, il polso della città, per ora in fase sperimentale con poche persone. «Un utente vede un incidente- spiega ancora il sindaco - lo segnala via smartphone al consigliere comunale che lo dice a un tecnico. Ma anche a un giornale locale ( El Diario Montanés) che a sua volta gli invia informazioni sulla natura del sinistro, sulle eventuali deviazioni del traffico e così via. La cittadinanza si avvicina così alla politica. E per tutti migliora la qualità della vita».
In realtà l'esempio di Santander è funzionale anche alla lotta alla crisi economica che in Spagna è molto acuta, specie sotto il profilo occupazionale ,e che ha visto crollare settori trainanti tradizionali come l'edilizia (la bolla immobiliare iberica è stata un fenomeno di proporzioni gravissime). Anche il turismo da solo non basta più. La cittadina di De La Serna oggi punta invece, oltre che sulle belle spiagge, sulle imprese di IT (information technology) con cui ha già firmato quattro accordi per investire a Santander.
La città infatti conta quasi duecentomila abitanti, non è molto grande, ma ogni progetto è in scala totale e può essere misurato su tutta l'area urbana: è chiaro che questo attira le aziende che vi si insediano e creano impiego.
Una scelta di intelligenza vera (anche se spinta dalla necessità) che non si limita a a misurare la diffusione del wi-fi o la quantità di app, ma si appoggia alla capacità di coordinare le azioni necessarie per salvaguardare la qualità della vita e del lavoro dei cittadini. Questo sì fa di questa case history un esempio intelligente.
Ilaria Vigorito

Pubblicato:

Martedì, 20 Novembre 2012

Condividi:

blog comments powered by Disqus