Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

ECOSISTEMI

GLI STUDI INUTILI

Categoria // Ambiente, Scienze

La Banca Mondiale ha recentemente divulgato, dopo anni di studio, una ricerca che sarebbe possibile utilizzare il Mar Rosso per “riempire” il Mar Morto in continua contrazione.

GLI STUDI INUTILI
L'idea di collegare i due corpi d'acqua è vecchia di circa un secolo, ma il progetto ha assunto una nuova urgenza, quando ci si è accorti che la riva del Mar Morto aumenta ad una velocità di più di un metro ogni anno.

La relazione della Banca Mondiale sul progetto di fattibilità, esplora come un conduttura sotterranea sarebbe il modo migliore per incanalare l'acqua del Mar Rosso a circa 180 km a nord, per ricostituire il Mar Morto, che si trova nel punto più basso della terra.

Inoltre, grazie alla corrente d'acqua creato dal dislivello, sarebbe addirittura possibile costruire dei desalinizzatori e degli impianti di produzione di energia idroelettrica lungo il percorso. Percorso che potrà utilizzare tunnel e canali.

I gruppi ambientalisti, comunque, avvertono degli effetti negativi associati a questa proposta: la possibilità di far nascere nuove alghe, di depositi minerali che cambino il colore del Mar Morto o dell'inquinamento, dovuto all'acqua di mare, di sotterranee sorgenti d'acqua dolce.

La Banca Mondiale pensa che tali effetti negativi potrebbero essere "mitigati e gestiti a un livello accettabile". Ma cos'è un livello accettabile?

Il Mar Morto, tecnicamente un lago, è una meta turistica famosa per le proprie acque salate che consentono ai bagnanti a stare a galla. Il fango, ricco di minerali utilizzati per il trattamento della pelle, è venduto in tutto il mondo.

L'aumento della popolazione nella regione, le maggiori esigenze dell'agricoltura han fatto sì che l'acqua del fiume Giordano, fonte d'acqua unica e naturale del Mar Morto, sia sempre più deviata ed usata per tali scopi.

Così il litorale si è sua volta ridotto a un ritmo accelerato, lasciando dietro di sé un deserto roccioso e una spiaggia piena di doline pericolose. In aggiunta, le fabbriche di estrazione dei minerali dal Mar Morto, hanno anche causato lo spostamento delle coste.

Il gruppo ambientalista Amici del Medio Oriente è contrario e ha chiaramente chiesto che lo studio della Banca Mondiale sia eliminato e vorrebbe spostare l'attenzione al ripristino del corso naturale del fiume Giordano e limitare le operazioni di estrazione del fango.

Noi ci auguriamo che, dato anche il momento di crisi economica mondiale e le tensioni politiche nella regione, che tale nuova infrastruttura non veda la luce e ci si trovi su posizioni più consone all'attuale momento e più sostenibili per l'ambiente stesso.
Jim Wyatt

Pubblicato:

Martedì, 22 Gennaio 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus