Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

FALSO, MA BUONO

Categoria // Graffi

Si chiama scherzosamente Faux gras invece di Foie gras il patè vegetale che non tortura gli animali.

FALSO, MA BUONO
Foie gras vuol dire letteralmente 'fegato grasso'. Grasso perché malato. Il fegato delle malcapitate anatre utilizzate per la produzione del prelibato paté francese viene fatto ingrossare a dismisura ingozzando gli animali con metodi che mostrati in video hanno dissuaso non pochi dal consumarlo, sia pure in poche speciali occasioni.

Enormi quantità di cibo iperenergetico vengono letteralmente sparate fin dentro nello stomaco degli animali, in appena 3 secondi di tempo. L'estrema rapidità della somministrazione è dovuta al metodo industriale che utilizza dei macchinari pneumatici in grado esercitare una forte pressione nel tubo, infilato nel collo dei volatili per tutta la sua lunghezza per immettere rapidamente grandi quantità di alimento: per l'esattezza mezzo chilo di cibo anatre in soli 2-3 secondi.
Lo shock è fortissimo per gli animali, che subito dopo il trattamento accusano tremori, convulsioni, lesioni all'interno del collo, difficoltà respiratorie. La steatosi epatica che si manifesta con un ingrossamento smisurato del fegato, che assume dimensioni 10 volte più grandi di quelle di uno normale, si manifesta rapidamente.

Nella sola Francia Francia sono 37milioni le anatre e 700mila le oche che ogni anno subiscono questo trattamento. Ora si prospetta un'alternativa gastronomica che con la forza della bontà del prodotto e del messaggio etico che rappresenta, sembra essere vincente (anche perché in molti hanno preso le distanze dal consumo di un alimento così prodotto, per buono e che sia).
Il nuovo arrivato si chiama "faux gras" ("finto grasso"). E' un paté dal colore e dalla consistenza molto simili a quelli del foie gras, ma interamente vegetale. Il prodotto, lanciato dall'associazione belga animalista Gaia, cominciano a varcare la soglia dei supermercati.
Del resto in Italia quello tradizionale era già stato messo al bando dalla catena delle Coop e oggi La Camera dei Lord di Londra ha ritirato il fois gras dal menù invitando addirittura i sudditi di sua Maestà a boicottarlo.
Mamma Oca ha avuto così il suo regalo di Natale. (a.C.)

Pubblicato:

Domenica, 23 Dicembre 2012

Condividi:

blog comments powered by Disqus