Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

PUBBLICITA’ INGANNEVOLE PER ALIVERIS, LA “PASTA DELLA SALUTE”

Categoria // Sentenze Antitrust

Messaggi pubblicitari e informativi enfatizzano proprietà del prodotto benefiche per i diabetici e per la salute delle persone in generale. Tali affermazioni non sono però supportate da sufficienti evidenze scientifiche.

Megliopossibile - Pubblicità ingannevole per Aliveris, la “pasta della salute”
Megliopossibile - Pubblicità ingannevole per Aliveris, la “pasta della salute”
All'inizio di quest'anno è finita sotto la lente dell'Antitrust - Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato – la società Aliveris srl (che beneficia del brevetto dell'omonima pasta al germe di soia). Con lei, sono state accusate di pratiche commerciali scorrette anche Amor srl (che vende questa pasta via internet) e l'Industria Alimentare Filiberto Bianconi – IAFB (che la produce).

Le aziende sono state segnalate all'Autorità per presunta pubblicità ingannevole da Fiberpasta, realtà che produce alimenti funzionali e per diabetici, in qualità di concorrente.

Per promuovere la pasta al germe di soia Aliveris, sono apparsi infatti  - sul quotidiano La Repubblica e sui siti internet gestiti dalla stessa Aliveris e da Amor – claim pubblicitari che enfatizzavano le proprietà benefiche per la salute del prodotto.

Tra questi: "La pasta della salute", "Indicata nella dieta del diabetico" e "Buona per tutta la famiglia per la sua azione preventiva". All'interno dei siti internet vengono inoltre riportate frasi come: "La ricerca scientifica ha riconosciuto l'efficacia degli isoflavonoidi nel conservare in buona salute l'organismo, fornendo un contributo per contrastare l'insorgenza e l'evoluzione di molte malattie. (...) in particolare risultano preziosi per: l'attività sportiva e lo stress fisico, la regolazione del colesterolo, l'efficienza cardiocircolatoria, il rallentamento del processo di invecchiamento, la salute delle ossa e delle articolazioni, la salute della donna in menopausa, la conservazione dell'efficienza mentale, la protezione contro gli effetti negativi dell'alcol, l'aiuto nel prevenire e contrastare alcuni tipi di tumore, la salute del fegato e il controllo dei problemi legati all'obesità" ma anche "I servizi televisivi di Medicina 33 e Occhio alla spesa hanno definito Aliveris come pasta per diabetici (...) questa sezione del sito (...) è utile per chi sta cercando: alimentazione diabete, alimentazione diabetici, alimenti diabete, alimenti per diabete".

I messaggi sono stati sottoposti all'attenzione dell'EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) e nessuno ha trovato un riscontro positivo: secondo l'Autorità non esistono sufficienti evidenze scientifiche per accertare una relazione di causa ed effetto tra il consumo di isoflavonoidi e la salute delle ossa, la prevenzione dei danni ossidativi, il mantenimento dei normali livelli di colesterolo e via dicendo.

Non solo. Per tutelare il consumatore ed evitare che le informazioni nutrizionali presenti in etichettatura o nelle pubblicità dei prodotti alimentari inducano chi acquista a scelte fuorvianti, la Commissione Europea, sulla base dei pareri dell'EFSA, ha autorizzato l'elenco di 222 indicazioni specifiche. Dal procedimento è emerso che gran parte delle informazioni riportate per la pasta Aliveris non sono mai state neppure proposte per una valutazione scientifica.

Infine, per quanto riguarda le caratteristiche alimentari vantate per i diabetici, non risulta che l'azienda Aliveris srl abbia ottenuto le necessarie autorizzazioni da parte del Ministero della Salute. Autorizzazioni che consentono di promuovere il prodotto come alimento funzionale (cioè con proprietà benefiche per la salute o in grado di ridurre il rischio di contrarre una malattia).

Con questa precisazione non viene messo in dubbio che la pasta Aliveris possa essere assunta dalle persone affette da diabete (i diabetici possono infatti mangiare, in quantità moderate, qualsiasi tipo di pasta) ma, si legge nella sentenza, «risulta fuorviante e ingannevole la prospettazione della pasta al germe di soia come un alimento funzionale per una specifica categoria di soggetti, in assenza delle previste autorizzazioni».

Per tali ragioni, l'Antitrust – in accordo con l'Agcom (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) – ha definito la condotta ingannevole, quindi idonea a fuorviare il consumatore medio (e ancor di più un consumatore vulnerabile come quello affetto da diabete) da scelte commerciali consapevoli. Pertanto ha messo al bando questo tipo di comunicazione e ha condannato i tre professionisti a pagare una sanzione rispettivamente di 35000 euro (IAFB), 15000 euro (Aliveris srl) e 5000 (Amor srl).

All'interno del procedimento è stata anche valutata e confermata un'altra pratica commerciale scorretta a carico delle tre aziende sopra menzionate: quella di promozione occulta. Coinvolte, in questo caso, anche la RAI (Radiotelevisione Italiana) e Video Piramide – VP (società attiva nella promozione di eventi) per l'organizzazione di due puntate di "Occhio alla Spesa", programma in onda su Rai 1, che dedicavano uno spazio alla pasta "per diabetici".
Per approfondire meglio tale aspetto e leggere la sentenza completa, clicca qui!
La Redazione

Pubblicato:

Mercoledì, 26 Giugno 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus