Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

CARTA ECOLOGICA PRODOTTA DAGLI SCARTI DI KIWI, AGRUMI, MANDORLE E CAFFE’

Categoria // Green Practice

Favini, storica cartiera italiana, ha dato vita alla prima gamma di carte amiche dell'ambiente, realizzata con gli scarti della lavorazione agro-industriale e prodotta con energia 100% green.

Carta ecologica Favini, prodotta con gli scarti della lavorazione agro-industriale
Carta ecologica Favini, prodotta con gli scarti della lavorazione agro-industriale
Una carta amica dell'ambiente, realizzata a partire dai residui della lavorazione industriale di agrumi, mais e kiwi, ma anche di mandorle, nocciole e caffè, attraverso un processo unico al mondo, brevettato da Favini - storica cartiera veneta.

Un modo innovativo per trasformare gusci, bucce e polpa di scarto - normalmente destinati alla zootecnia, alla produzione di energia o peggio alla discarica - in una materia prima nobile che dà vita a fogli pregiati con trama e tonalità diverse che ricordano il "frutto" di provenienza.

In che modo? I residui, ottenuti dalle prime lavorazioni industriali, vengono essiccati e poi trasformati in farina grazie a un procedimento di micronizzazione: un'operazione di macinazione in cui il materiale da trattare viene ridotto in particelle finissime. La farina così ottenuta è già pronta per l'inserimento nell'impasto che andrà a formare la carta, in parziale sostituzione della cellulosa. Le fasi successive ricalcano la tradizionale produzione cartaria: colorazione, passaggio attraverso la macchina continua, essicazione e taglio in fogli o in bobine. Il ciclo è alimentato da energia verde 100% autoprodotta, grazie a turbine che trasformano la forza idrica in elettricità.

In questo modo l'azienda - in un momento in cui le risorse scarseggiano e i rifiuti aumentano - riduce l'uso di cellulosa proveniente da albero fino al 15% (e l'obiettivo è quello di accrescere la percentuale, raffinando il sistema) e alleggerisce la pressione sulle foreste e sull'ambiente.

La nuova carta, denominata Crush, è per la restante parte costituita di fibra vergine proveniente da piantagioni certificate secondo gli standard di sostenibilità del Forest Stewardship Council, organizzazione indipendente che si occupa di promuovere la gestione responsabile delle foreste in tutto il mondo, (55%) e da fibra riciclata (30%).

Non stupisce che sia stata proprio Favini a proporre questo sistema. L'azienda si era infatti già distinta in passato per aver brevettato e proposto sul mercato Shiro alga carta - una carta creata a partire dalle alghe in eccesso presenti nelle aree lagunari a rischio. Un'altra brillante idea per ripulire l'ambiente e ridurre l'abbattimento degli alberi.
Sara Occhipinti

Pubblicato:

Mercoledì, 10 Aprile 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus