Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

LA MACCHINA CHE RICICLA LE CAPSULE ESAUSTE DEL CAFFE’

Categoria // Green Practice

Eurven, azienda specializzata in soluzioni tecnologiche per il riciclo, ha messo a punto con Illy un sistema che recupera la plastica delle cialde, separandola dal caffè esausto.

Megliopossibile - La macchina che ricicla le capsule esauste del caffè
Megliopossibile - La macchina che ricicla le capsule esauste del caffè
Certamente il mondo sarebbe andato avanti serenamente lo stesso anche senza le capsule per macchinette del caffè. E sicuramente l'ambiente avrebbe ringraziato, visto che questa soluzione contribuisce ad aumentare la quantità di rifiuti che appesantisce il Pianeta.

Tuttavia le cialde usa e getta sono apprezzate: solo in Italia ne consumiamo circa 1 miliardo l'anno, il 10% della produzione mondiale. Occorre quindi occuparsi seriamente del loro recupero, un'operazione per nulla semplice. Il contenuto (il caffè esausto) e l'imballaggio (la capsula), infatti, sono "tenuti insieme" e questo elemento rende il rifiuto non differenziabile, dunque destinato alla discarica o all'inceneritore.

Tra i vari produttori che si stanno attrezzando per superare l'ostacolo e cercare di ridurre l'impatto del sistema, troviamo Illy. L'azienda si è infatti rivolta a Eurven, realtà specializzata in soluzioni tecnologiche per il riciclo, per la realizzazione di una macchina innovativa in grado di dividere e di recuperare gli scarti derivanti dalle cialde usate.

Come funziona? Nel dispositivo vengono inserite le capsule a fine vita e i bussolotti di latta che le contenevano. La macchina taglia le cialde, poi - attraverso un sistema di vibrazione - "svuota" il caffè esausto in un contenitore e getta la plastica in un altro recipiente. La latta, invece, segue un percorso differente e viene esclusivamente pressata per ridurre il suo volume. A questo punto, plastica e metallo sono recuperati e il caffè trattato come rifiuto umido.

Per il momento non esistono i bidoni della differenziata per questa tipologia di scarto, quindi il consumatore Illy dovrà mettere da parte le capsule esauste e portarle al rivenditore che in cambio fornirà un buono acquisto per un nuovo prodotto del marchio.

Il progetto, attualmente in fase sperimentale, vede coinvolta solo l'Illyteca di Trieste. Ci auguriamo che presto venga esteso anche ai punti vendita delle altre città italiane.
Sara Occhipinti

Pubblicato:

Venerdì, 07 Giugno 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus