Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

CONSIDERAZIONI SUL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO

Categoria // Green Practice

Il mercato immobiliare italiano è in un vicolo cieco. Servono delle riforme anche legislative per un rilancio. E una nuova etica delle imprese.

CONSIDERAZIONI SUL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO

Il settore immobiliare continua il suo percorso di affannosa risalita. L’ottimismo diffusosi sul finire del 2013, in corrispondenza di un’impennata delle transazioni corporate, ha lasciato quasi subito spazio alla consapevolezza della gradualità dei processi in atto. La fragilità della ripresa, testimoniata dagli ultimi dati del PIL (che in realtà ci mostra ancora in recessione) rappresenta un elemento di penalizzazione delle prospettive a breve termine. I segnali provenienti dal sistema creditizio, sono ancora al di sotto delle attese. L’allentamento della selettività risulta, infatti, circoscritto ai gruppi bancari più solidi, in grado di conciliare le esigenze di svalutazione dell’enorme mole di crediti deteriorati con un graduale ritorno alla normalità allocativa. L’afflusso di capitale bancario verso il settore immobiliare risulterà, dunque, ancora sottodimensionato rispetto al fabbisogno manifestato dalla domanda che, seppur generalmente indebolita dalla lunga fase recessiva, continua a privilegiare l’opzione proprietaria, anche come forma di impiego di capitale. A differenza di quanto accaduto per larga parte dello scorso decennio, il sistema bancario risulta a tutt’oggi poco propenso ad accettare scommesse sulle capacità reddituali future, contando al più sul “paracadute” immobiliare, la cui tenuta si è rivelata, peraltro, meno solida di quanto ottimisticamente preventivato. Il solo parziale riprezzamento rappresenta un oggettivo ostacolo all’ampliamento delle dimensioni del mercato, già penalizzato dalla debolezza delle prospettive economiche del Paese, dall’inadeguatezza qualitativa di una quota significativa degli asset immobiliari, nonché dalla perdurante ritrosia ad adottare modalità operative improntate alla trasparenza delle imprese del settore. Non deve stupire quindi, che la crescita dell’industria dei fondi continui ad avvenire tramite operazioni di apporto senza alcun passaggio transattivo e che le società immobiliari quotate non vadano oltre uno sparuto drappello, più esposto a rischi di delisting che di ampliamenti attraverso IPO. Al di là del parziale riassetto in atto, lo snodo fondamentale per l’industria dei fondi immobiliari è rappresentato dalla capacità di rispetto delle scadenze regolamentari in un mercato che, nonostante il miglioramento registrato nell’ultimo anno, rimane inadeguato a garantire l’integrale assorbimento degli immobili detenuti dai fondi a scadenza. Se non vi sono dubbi che la pesante crisi degli scorsi anni abbia decretato il superamento del modello imperniato sugli eccessi creditizi, non si intravvedono ancora schemi alternativi che mettano il mercato immobiliare italiano, specie quello corporate, al riparo da un repricing ben più marcato rispetto a quello fin qui registrato.

Alessandro Maria Cremona

Pubblicato:

Lunedì, 05 Maggio 2014

Condividi:

blog comments powered by Disqus