Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

A LONDRA LA PISTA CICLABILE PIÙ LUNGA D’EUROPA

Categoria // Green Practice

Verrà realizzata a Londra la Cycle Superhighway Route 2, la pista ciclabile urbana più lunga d’Europa, che inciderà sulla vita dei pendolari e sul mercato immobiliare della città.

A LONDRA LA PISTA CICLABILE PIÙ LUNGA D’EUROPA

La capitale inglese punta verso un futuro green con interventi volti a ridurre il traffico e lo smog, come la costruzione di due "autostrade" dedicate al traffico di sole biciclette, separate dal traffico motorizzato.

È questo il centro del progetto Cycle Superhighway Route 2, approvato il 4 febbraio 2015 dal Transport for London (TfL) – l'ente che si occupa dei trasporti pubblici di Londra -  e fortemente voluto dal sindaco Boris Johnson. Entro la primavera del 2016 porterà alla realizzazione di quella che dovrebbe diventare la pista ciclabile urbana più lunga d'Europa.

Il tragitto della Cycle Superhighway vedrà due tronchi principali che si incontreranno nel cuore della metropoli londinese: il primo si snoderà tra King Cross ed Elephant and Castle sulla direttrice nord-sud, il secondo collegherà Barking e Acton sulla direttrice est-ovest.

Secondo le stime del TfL, ogni percorso avrà una capacità di 3.000 ciclisti all'ora, equivalenti a 41 bus a due piani o 5 treni della metropolitana a pieno carico.

I lavori comprenderanno la realizzazione di piste ciclabili a due corsie, la piantumazione di nuovi alberi, la realizzazione di nuovi spazi per i pedoni. Alcune delle arterie principali della città verranno ridotte in larghezza per far spazio alla corsia per ciclisti, che sarà ampia e per la maggior parte separata dalle carreggiate delle automobili.

La Cycle Superhighway Route 2 fa parte di un progetto più ampio da 913 milioni di sterline denominato Road Modernisation Plan e annunciato nel 2013 per incentivare l'uso delle bici. Il piano prevede centinaia di progetti di trasformazione all'interno della rete stradale esistente. Utilizzando idee radicali e design innovativi, il programma renderà le strade di Londra più verdi, più sicure e più vivibili, a beneficio di tutti i londinesi.

Il Road Modernisation Plan inciderà profondamente anche nel settore edilizio/immobiliare, inevitabilmente chiamato a rispondere a nuove esigenze di mercato differenziando la propria offerta.

Nella zona di Elephant Park, attraversata dalla Cycle Superhighway, verranno realizzati 2.500 nuovi appartamenti ciascuno con un parcheggio sicuro per la bici ed un parco di 90 bici del bike sharing cittadino, oltre ascensori più capienti e rastrelliere.

Anche il complesso residenziale progettato per la città di Londra dall’architetto Norman Foster, denominato 250 City Road, sarà dotato di tutti i servizi per chi pedala: prevede un parcheggio per bicicletta per ogni stanza da letto, per un totale di 1.486 posti bicicletta, e soltanto 200 posti auto. Inoltre sono previsti ascensori per trasportare le biciclette al piano interrato, dove ci saranno i parcheggi, ed anche un’area per la riparazione ed il lavaggio.

 

La bicicletta è chiaramente un’opzione di trasporto importante a Londra. Il numero dei londinesi che usa la bicicletta per recarsi a lavoro è più che raddoppiato in un decennio ed oggi, con più di 170.000 viaggi al giorno, le biciclette rappresentano il 24 per cento del traffico dell'ora di punta nel centro di Londra.

Questa serie di interventi da parte dell’amministrazione di Londra renderà la bicicletta un’opzione di trasporto sempre più attraente, contribuendo a rendere Londra una città più piacevole, ecologica e sostenibile.


Photo credit: http://www.london24.com
Fabiana Doa

Pubblicato:

Venerdì, 19 Giugno 2015

Condividi:

blog comments powered by Disqus