Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

L’ACQUA SCIVOLA SU UN NANO-IMPERMEABILE DI GRAFENE

Categoria // Proprietà Generali, Grafene

I ricercatori del Rensselaer Polytechnic Institute hanno sviluppato un nuovo nano-tessuto realizzato con il grafene in grado di migliorare l'impermeabilità di materiali con superfici ruvide.

Megliopossibile - L'acqua scivola su un nano-impermeabile di grafene
Megliopossibile - L'acqua scivola su un nano-impermeabile di grafene
Un impermeabile invisibile realizzato in grafene è stato realizzato nei laboratori del Rensselaer Polytechnic Institute. L'innovativo "tessuto", spesso meno di un nanometro, è in grado di proteggere dall'acqua il materiale sottostante, senza alterarne le proprietà.

Questa innovazione potrebbe essere utile per migliorare le prestazioni delle superfici auto-pulenti, per i dispositivi lab-on-a-chip e nelle applicazioni che richiedono il movimento di gocce di liquido su superfici solide.

«Oltre a essere una barriera contro l'acqua, questi "nano-drappi" sono trasparenti e apportano mutamenti minimi alla topologia della superficie sottostante – sottolinea il professor Nikhil Koratkar, a capo dello studio – Abbiamo realizzato un "tessuto" ultrapuro che impedisce la penetrazione dell'acqua nelle superfici strutturate e che mostra interessanti e potenzialmente importanti implicazioni tecnologiche per molte applicazioni nel campo della micro e nano fluidica».

I ricercatori hanno osservato che l'acqua posta sulle superfici "nude" si sparge e genera grandi gocce piatte (indicative di un substrato idrofilo). Al contrario, con la copertura in grafene, le gocce assumono una forma sferica, come avviene in caso di materiali idrofobi o idrorepellenti. Le caratteristiche di impermeabilità sono già evidenti con l'applicazione di un unico nano-drappo (che misura diversi centimetri di lunghezza e una volta applicato è rilevabile solo con un potente microscopio), ma l'effetto può essere potenziato con la sovrapposizione di qualche strato aggiuntivo che va a coprire eventuali crepe o difetti formatisi sul primo foglio di grafene.

Per creare questo sottilissimo tessuto, Koratkar e il suo team hanno fatto crescere il grafene su un substrato di rame. Successivamente, i ricercatori hanno rivestito il materiale con un film polimerico e hanno rimosso il rame, usando degli acidi deboli. Infine, il foglio di grafene sullo strato di polimero è stato trasferito sulla superficie da proteggere e il polimero lavato via delicatamente con acetone. In questo modo si è ottenuto un tessuto impermeabile ultrapuro e trasparente dello spessore di un atomo di carbonio.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista ACS Nano, clicca qui per leggere l'abstract!
La Redazione

Pubblicato:

Martedì, 01 Ottobre 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus