Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

TRANSISTOR IN GRAFENE, UN’ALTALENA AD ALTA VELOCITA’

Categoria // ICT e Tecnologie Digitali, Medicina e Biotecnologie, Grafene

E' stato realizzato dall'Università di Manchester il primo transistor fatto di grafene in grado di oscillare tra due diversi stati elettronici e di emettere onde elettromagnetiche ad alta frequenza. Sarà utile nel campo della sicurezza e della diagnostica per immagini.

Megliopossibile - Transistor al grafene, un’altalena ad alta velocità - Foto: Università di Manchester
Megliopossibile - Transistor al grafene, un’altalena ad alta velocità - Foto: Università di Manchester
Nei laboratori dell'Università di Manchester è stato realizzato il primo transistor in grafene che oscilla spontaneamente tra due diversi stati elettronici, emettendo onde elettromagnetiche ad alta frequenza.

Il dispositivo, descritto sulla rivista scientifica Nature Communications, potrebbe avere importanti applicazioni nel campo della sicurezza (si pensi agli scanner negli aeroporti) ma anche medico, nei sistemi di diagnostica per immagini.

Come funziona? Il segreto del congegno risiede nella sua "bistabilità", cioè la capacità di dondolare come un'altalena tra due distinti ed equivalenti stati. Piccole perturbazioni del sistema fungono da spinta e possono innescare una commutazione spontanea.

Il transistor è costituito da due strati di grafene (l'altalena) separati da una sottile barriera isolante di nitruro di boro. Applicando una leggera tensione (la spinta), il sistema subisce un cambiamento di stato: le nuvole elettroniche dei due strati di grafene si "sintonizzano" e questo fenomeno induce gli elettroni a viaggiare spontaneamente ad alta velocità tra uno strato e un altro, passando attraverso la barriera isolante "di trasporto", grazie a un effetto chiamato tunnel quantistico.

Il rapido movimento di carica elettrica porta alla emissione di onde elettromagnetiche ad alta frequenza, dalle onde radio agli infrarossi, rendendo il transistor perfetto per le applicazioni sopra citate ma anche come componente integrativo nei chip convenzionali per fornire nuove funzionalità ancora tutte da esplorare.
La Redazione

Pubblicato:

Martedì, 14 Maggio 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus