Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

GRAZIE AL GRAFENE, REALIZZATO NANOMATERIALE PIU’ RESISTENTE DEI METALLI

Categoria // Proprietà Generali, Grafene

I ricercatori del Korea Advanced Institute of Science and Technology (KAIST) hanno realizzato un innovativo composito che, grazie a singoli fogli di grafene inseriti tra strati di metalli puri, risulta 180 volte più resistente del nichel e 500 volte più del rame.

Megliopossibile - Grazie al grafene, realizzato nanomateriale più resistente dei metalli - Illustrazione by Andrew Shea for Columbia Engineering
Megliopossibile - Grazie al grafene, realizzato nanomateriale più resistente dei metalli - Illustrazione by Andrew Shea for Columbia Engineering
Un nuovo materiale centinaia di volte più resistente dei metalli puri è stato sviluppato dai ricercatori del Korea Advanced Institute of Science and Technology (KAIST).

Si tratta di un nanomateriale composito costituito da strati di nichel e di rame intramezzati da fogli di grafene. Per ottenere questa struttura, la professoressa Seung Min Han e il suo team hanno utilizzato un particolare processo chiamato Chemical Vapor Deposition (CVD) che consente di depositare un singolo strato di grafene sulla superficie del metallo utilizzato. Procedimento che è stato ripetuto più volte fino a ottenere l'innovativo composito.

Per misurarne la resistenza, il gruppo ha successivamente condotto dei test di micro-compressione che hanno mostrato come il prodotto fosse molto più resistente dei materiali costituiti da metalli convenzionali. In particolare: 500 volte più resistente del rame puro e 180 più del nichel puro.

«Il risultato è stupefacente – ha commentato Seung Min Han - con una percentuale di grafene pari solo allo 0,00004 % del peso totale, la resistenza dei materiali è aumentata di centinaia di volte».

Questa scoperta, continua l'esperto, potrebbe contribuire alla messa in produzione di automobili e veicoli spaziali leggeri e ultra-resistenti ed essere applicata anche per la realizzazione di rivestimenti dei reattori nucleari e di tutti quei prodotti che richiedono un elevato livello di affidabilità.

Lo studio relativo è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communications, qui potete trovare l'abstract.
La Redazione

Pubblicato:

Venerdì, 06 Settembre 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus