Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

ANTENNE AL GRAFENE PER TRASFERIMENTI WIRELESS SUPER-VELOCI

Categoria // ICT e Tecnologie Digitali, Grafene

Decine di film in alta definizione trasferiti in pochi secondi da un computer a un altro: potrebbe essere possibile grazie alle innovative antenne wireless al grafene studiate nei laboratori del Georgia Institute of Technology.

Struttura del grafene
Struttura del grafene

Spostare decine di film da un computer a un altro a rapidità stellare potrebbe non essere più un sogno. I ricercatori del Georgia Institute of Technology stanno infatti elaborando un’antenna wireless a base di grafene in grado di effettuare trasferimenti alla incredibile velocità di 1 terabit al secondo.

«Si tratta di un volume di banda incredibile. Al giorno d’oggi, se provi a trasferire tutti i tuoi dati da un computer a un altro, in modalità wireless, potresti metterci delle ore. Con questa tecnologia, invece, avverrebbe tutto in un attimo» sottolinea Ian Akyildiz, direttore del laboratorio che si occupa di questi studi all’interno del prestigioso istituto.

Unico limite: la distanza. I ricercatori hanno calcolato che la velocità di 1 terabit al secondo – che permette di spostare 10 film in alta definizione in un secondo - può essere raggiunta solo se le due antenne collegate ai dispositivi d’interesse si trovano non più distanti di un metro l’una dall’altra. D’altro canto hanno anche affermato che, a distanze più brevi, per esempio di alcuni centimetri, la velocità di trasferimento dati potrebbe teoricamente schizzare a 100 terabit al secondo: un risultato straordinario.

Tutto questo potrebbe diventare possibile grazie alle particolare proprietà del grafene. All’interno dell’innovativo materiale, infatti, gli elettroni si muovono quasi senza subire resistenze, dalle 50 alle 500 volte più velocemente rispetto a quanto accade nel silicio.

Oltre a facilitare la comunicazione ad altissima velocità tra i dispositivi, si legge sulla MIT Technology Review, il grafene consentirebbe anche di realizzare antenne di dimensioni ridottissime (nell’ordine di un micrometro o di pochi nanometri), applicabili ad apparecchiature sempre più piccole.

Alcuni problemi sono ancora da risolvere - per esempio quelli riguardanti la lavorazione del grafene che, a contatto con altri materiali, altera le sue proprietà - ma i ricercatori sono fiduciosi e sperano di riuscire a realizzare il primo prototipo entro un anno.

Per saperne di più, clicca qui!

La Redazione

Pubblicato:

Martedì, 12 Marzo 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus