Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

SVILUPPO SOSTENIBILE

GIOVANI AGRICOLTORI CRESCONO

Categoria // Nuove Frontiere, Economia

Lo sviluppo sostenibile non potrà fare a meno della nuova agricoltura. Abbiamo ricevuto e pubblichiamo molto volentieri il racconto del successo di quattro giovani imprenditori agricoltori dell’Anga, l’Associazione nazionale dei giovani agricoltori che si è riunita per il primo Forum a Rimini.

GIOVANI AGRICOLTORI CRESCONO

Qualche tempo fa, quando Carlo Petrini, presidente della Fondazione Slow Food, chiese a una platea di giovani chi desiderasse impegnarsi nell’agricoltura si levarono solo un paio di mani.
Oggi sarebbero molte, molte di più. A Rimini, dove l’Anga si è riunita a inizio novembre per il primo forum dei , le storie erano tante, eccone alcune:

Pierluigi Strada ,39 anni, è laureato in Giurisprudenza, arriva da Taranto. Inizia a lavorare a Bruxelles, ma durante un viaggio in Olanda scopre il settore vivaistico e le sue potenzialità anche al di fuori di quelle tradizionali e ritorna nell’impresa agricola di famiglia. L’idea è di produrre e commercializzare prato a rotoli, impiegato soprattutto nel settore sportivo. Oggi la Pratoplà, l’azienda di Pierluigi, è una realtà tra le più affermate a livello nazionale.

Pietro Angeli ha 27 anni, arriva dalla provincia di Mantova. Quando ne aveva 23 ha visitato un impianto di biogas e gli si sono aperte nuove prospettive da applicare in azienda, la “Serraglio”, che da quattro generazioni è impegnata ad allevare suini e anche vacche da latte è destinato alla produzione di Parmigiano Reggiano. Da allora Pietro ha lavorato al completamento di un centro produttivo di eccellenza, integrando la tradizione agricola e l’impulso allo sviluppo sostenibile rappresentato dall’innovativa introduzione delle energie rinnovabili.

Francesca Salvan,
di Padova, 32 anni, è anche lei alla quarta generazione di agricoltori, ma la prima al femminile. Si è appassionata al recupero di vitigni autoctoni dimenticati che potrebbero rappresentare un’alternativa interessante rispetto alla tradizionale produzione aziendale. Non solo quindi Cabernet e Sauvignon, ma anche “Gatta”, “Marzemina Nera Bastarda”, “Turchetta”, etc… E oltre al vino, la cosmesi: la nuova agricoltura non spreca risorse,le vinacce dell’azienda Salvan sono infatti conferite a una cooperativa agricola specializzata nella produzione di cosmetici bio e naturali.

Meno di quarant’anni anche per Rocco Caliandro, agronomo, specializzato nella produzione di olio d’oliva. La sua azienda “Tratturi Reali”, nel Brindisino, si estende su 35 ettari in cui olivi secolari danno origine a un prodotto di alta gamma. Rocco, tre anni fa, decide di realizzare investimenti per modernizzare profondamente l’impresa, nell’ottica di un approccio orientato alla qualità e al mercato. La sua attività è stata premiata, tra l’altro, con il riconoscimento dell’Oiga, l’Osservatorio per l’imprenditorialità giovanile in agricoltura istituito presso il Ministero dell’Ambiente e delle Politiche agricole alimentari e forestali come “migliore esperienza imprenditoriale in agricoltura” (Mipaaf).

Senza clamori, il settore agricolo smantellato e negletto nel corso dei decenni passati, sta poco a poco riacquistando un’importanza primaria, come è giusto che sia, se si vuole imboccare la strada dello sviluppo sostenibile e delle energie rinnovabili.

Beatrice Riganti

Pubblicato:

Lunedì, 21 Novembre 2011

Condividi:

blog comments powered by Disqus