Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

LA SETTIMA ECONOMIA MONDIALE: GLI OCEANI

Categoria // Eventi Sostenibili

L’8 giugno 2015 si è celebrata la Giornata Mondiale degli Oceani: preservare questo straordinario patrimonio ambientale significa mantenere attivo un motore economico da 24 mila miliardi di dollari.

LA SETTIMA ECONOMIA MONDIALE: GLI OCEANI

Gli oceani rivestono un ruolo fondamentale per la salute del nostro pianeta. Siamo quindi chiamati all’impegno costante per la tutela di quello che, come ci insegnano sin dalle elementari, rappresenta il 70% del globo terracqueo. Quali sono le minacce che ogni giorno minano l’integrità di questo ecosistema? La risposta è davanti ai nostri occhi: inquinamento, pesca eccessiva, progressiva acidificazione delle acque. Il mix letale è presto fatto. Un mix che, contrariamente alla straordinaria lentezza che ha portato alla formazione di incantevoli barriere coralline e abissi da scoprire, sta conducendo ad un sempre più rapido peggioramento delle condizioni degli oceani.

“Gli oceani stanno collassando davanti ai nostri occhi, ma esistono gli strumenti per risolvere il problema”, queste le parole di Marco Lambertini, direttore generale del WWF Internazionale; una frase sentenziosa, certo, ma che lascia intravedere uno spiraglio di luce. L’iniziativa, infatti, è stata ben recepita a livello internazionale, con oltre 400 eventi in tutto il mondo: a Parigi, sede della COP 21, Conferenza sul Clima che avrà luogo a fine anno, la Commissione Oceanografica dell’UNESCO ha organizzato una giornata interamente dedicata agli oceani ed ai connessi cambiamenti climatici, mentre a New York l’Empire State Building si è tinto di blu per celebrare l’immensità di questa risorsa.

La situazione attuale mostra come le aree protette marine occupino solo il 4% di tutta la superficie degli oceani, mentre le aspettative si attestano sul 10% per il 2020 e sul 30% entro il 2030.  Eppure, le aree marine protette sono un valido termometro delle potenzialità economiche di questo tesoro azzurro: l’investimento di un dollaro impiegato nella creazione di un “santuario del mare”, in termini di ritorno economico, risulta triplicato, grazie alla creazione di posti di lavoro, alle attività di pesca sostenibile ed alla tutela delle coste.

Simbolo di libertà ed eternità, vero e proprio salvadanaio naturale, l’oceano si aggiudica il settimo posto nella classifica delle dieci maggiori economie al mondo: non resta che proteggerlo.  

Photo credit: www.juzaphoto.com

Mariacristina Piglionico

Pubblicato:

Martedì, 09 Giugno 2015

Condividi:

blog comments powered by Disqus