Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

PRIMA IL PARCO...

Categoria // Orientamenti, Architettura

…poi si vedrà. Un approccio tutto nuovo di urbanistica ed edilizia sostenibile che parte dal territorio per poi tesserlo piano piano con delle zone costruite. Tutto il contrario di come si è fatto fino a oggi.

PRIMA IL PARCO...
Il duo composto da Mario Cucinella Architects e Studio Land ha presentato ufficialmente qualche giorno fa il masterplan per Veneto Green City,una città diffusa situata a metà strada tra Padova e Venezia, destinata a occupare un’area di circa 750.000 metri quadri.
Sviluppato su commissione della società Veneto City spa (dal 2001 promotrice dell’iniziativa), l’intervento riguarda un’area che affianca l’A4, collegata anche alle linee ferroviarie locali e nazionali. La società immobiliare ha già sottoposto il piano operativo ai Comuni di Dolo e Pianiga e agli uffici della Regione Veneto, con cui è attualmente impegnata nell’individuazione di una strategia condivisa per giungere a un accordo di programma.
In questa zona strategica per le infrastrutture il progetto parte dal paesaggio come matrice di sostenibilità. Le funzioni comprenderanno, fra l’altro, una grande parte di terziario dedicato principalmente a business to business per riunire in uno stesso luogo i produttori locali che hanno relazioni commerciali tra loro; ci saranno strutture alberghiere, un polo culturale con auditorium e museo, e servizi di supporto a tutte queste attività.
Si prevede egualmente un edificio universitario e l’insediamento di strutture sanitarie specializzate. La vera novità sta nel fatto che il progetto prevede 30% di edificabilità in meno rispetto a un progetto tipo. Significa che gli investitori hanno rinunciato al 30% del guadagno potenziale derivante dalla vendita degli spazi costruiti. Significa soprattutto che il verde viene considerato come fattore valoriale da abbinare a un progetto di edilizia sostenibile, ossia come scelta che regala un grande valore aggiunto all’operazione immobiliare.
La costruzione non prevede landmark, ossia forti segni progettuali come grattacieli o edifici molto imponenti, ma inizierà con la semplice attrezzatura di un parco, e si svilupperà e si rinforzerà via via nel tempo, seguendo sempre la morfologia territoriale. Gli edifici a torre destinati a residenze e uffici verranno collocati in prossimità della stazione ferroviaria, spiegano i progettisti, per meglio consentire gli spostamenti delle persone interessate.
Stando a quanto previsto dal team di progettazione, la realizzazione dell’intervento si svilupperà in circa dieci anni basandosi su tre stepsuccessivi: la definizione di un paesaggio naturale da irrobustire gradualmente, la costruzione di una stazione ferroviaria della linea regionale (Sfmr) e di alcuni edifici a essa adiacenti e, infine, l’edificazione dei singoli lotti, caratterizzati dalla presenza di molteplici funzioni.
Un intervento slow quindi, la cui sostenibilità evidente è anche nel completamento graduale del progetto atto a radicare con il tempo ogni nuova costruzione non solo da un punto di vista logistico e territoriale, ma anche da quello della accettazione psicologica dei cambiamenti ambientali vissuta dagli abitanti e dai fruitori di quell’area. Un dettaglio sempre molto trascurato ma importantissimo, che fa la differenza tra un intervento violento e uno a misura d’uomo.
Gemma Sinibaldi

Pubblicato:

Giovedì, 07 Aprile 2011

Condividi:

blog comments powered by Disqus