Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

MA...QUESTA ROCCIA IERI NON C'ERA...

Categoria // Architettura

Un piccolo intervento di architettura sostenibile biomimetica su una spiaggia desolata in Inghilterra ha capovolto in positivo le sorti turistiche della zona, ripetendo l’effetto Bilbao.

MA...QUESTA ROCCIA IERI NON C'ERA...
“Sostenibile" in architettura non significa solo “costruito secondo criteri di sostenibilità". Significa anche “inserito con intelligenza nel contesto" dell’ambiente e del territorio di riferimento. 
Su una spiaggia defilata della piccola città di mare di Littlehampton nella costa sud dell’Inghilterra, si è compiuta una operazione di creatività architettonica biomimetica estrema, grazie alla perfetta intesa tra committente e designer

All’idea che alla chiusura del vecchio unico chiosco se ne aprisse un altro ugualmente squallido, una abitante lungimirante del posto ha deciso di intervenire comprando lo spazio e chiedendo l’intervento di uno dei più brillanti giovani designer inglesi, Thomas Heatherwick , sapendo bene che solo qualcosa di assolutamente straordinario e imprevedibile sarebbe uscito dalla sua mente e dal lavoro del suo team: esattamente quello che lei cercava. 

La sfida era di creare un luogo che diventasse un catalizzatore di attenzione e di richiamo per un turismo locale che stentava a decollare, ben conoscendo la predilezione degli inglesi per le gite al mare con qualsiasi tempo.

Il risultato è stato straordinario: un piccolo bar dove ora file di visitatori si accalcano in qualunque stagione per assaggiare un cartoccio di  fish and chips del nuovo “Beach Café" , o solamente per fotografare e farsi fotografare davanti ad un piccolo capolavoro di scultura abitabile biomimetica, che ha generato a Littlehampton un nuovo esempio di “effetto Bilbao": la capacità dell’architettura di qualità di fungere da calamita di attenzione per un luogo geografico, quale che 
esso sia.

L’idea progettuale è molto semplice: il chiosco doveva restare tale, quindi le dimensioni a disposizione erano molto ridotte, solo 56 mq. L’intuito vincente è stato quello di creare un oggetto che assomigliasse a un qualcosa di familiare, che si inserisse in maniera naturale nell’ambiente e nel territorio: una caverna di roccia, come tante altre rocce sparse sulla stessa spiaggia, uniche presenze su tutta la lunghissima lingua di sabbia circostante.
Per assimilare ancora di più la caverna alle altre rocce, è stata rivestita di acciaio arrugginito Cor-ten, che mantiene nel tempo il suo aspetto nonostante le intemperie e che regala al guscio esterno del chiosco un sapore del tutto naturale. 
L’unica apertura a vetrate scorrevoli blindate e basso emissive ricorda che tutto l’intervento è comunque impostato sull’utilizzo delle migliori tecnologie oggi a disposizione per un' architettura in sintonia anche energetica con l’ambiente e con il territorio circostante.

Il tutto dimostra come, anche con un impegno finanziario sicuramente molto ridotto, si possa affidare all’architettura sostenibile la rivalutazione di un luogo con risultati eccellenti. Basta solo che si crei quella giusta “corrente" tra il progettista e un committente curioso, esigente, coraggioso.


Per approfondimenti:
http://www.heatherwick.com/

https://www.artsy.net/artist/thomas-heatherwick




Gemma Sinibaldi

Pubblicato:

Giovedì, 21 Gennaio 2010

Condividi:

blog comments powered by Disqus