Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

ARCHITETTURA E CINEMA

L'ISOLA CHE NON C'È

Categoria // Orientamenti, Architettura

Una zattera galleggiante sostenibile costruita in materiali naturali e riciclati, è l’ultimo miracolo della fantasia cinematografica in Thailandia.

L'ISOLA CHE NON C'È
Arcipelago Cinema (©Piyatat Hemmatat)

La notte finale della prima edizione del Film Festival “On the Rocks Yao Noi” in Thailandia ha avuto luogo sull’Arcipelago Cinema, una piattaforma galleggiante progettata dall'architetto Ole Scheeren, di origine tedesca e con sede a Pechino. Gli ospiti sono stati trasportati in barca attraverso l'oscurità della sera per arrivare su una zattera incandescente di luci in mezzo alle acque tranquille della laguna di Nai Pi Lae, nella Kudu Island.

Circondato da un paesaggio spettacolare di rocce imponenti che emergono dal mare, il pubblico ha sperimentato un connubio tra natura e narrazioni cinematografiche, in uno stato di sospensione totale tra luce, suoni e storie galleggianti nel buio, fra mare e cielo.

«Il pensiero di guardare i film qui sembrava sorprendente», ha detto Ole Scheeren. «Uno schermo, situato da qualche parte tra le rocce. E il pubblico ... galleggiante ... librarsi sopra il mare, da qualche parte nel mezzo di questo spazio incredibile della laguna, per concentrarsi sulle immagini in movimento attraverso l'acqua: il senso della temporalità e della la casualità resi concreti in una piattaforma di legno. O forse qualcosa di più architettonico. Pezzi modulari, liberamente assemblati, come un gruppo di piccole isole che si riuniscono a formare un auditorium».

Un lavoro con un forte legame con la comunità locale, Arcipelago Cinema si basa sulle tecniche utilizzate dai pescatori per costruire le fattorie galleggianti usate per la pesca dell’aragosta. La zattera è costruita con materiali riciclati in una serie di moduli singoli per consentirne la flessibilità di utilizzi futuri. A seguito di un percorso che vedrà il viaggio della zattera toccare ulteriori luoghi deputati ad auditorium temporanei per la proiezione di altri film sull'acqua, Arcipelago Cinema tornerà sull'isola di Kudu e sarà donato ai suoi costruttori, la comunità di Yao Noi, per essere vissuta come un parco giochi o uno stadio nel centro dell’oceano.

Luigi Cremonesi

Pubblicato:

Giovedì, 17 Maggio 2012

Condividi:

blog comments powered by Disqus