Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

DISCARICA DIDATTICA: Museo Aperto di sostenibilità

Categoria // Recupero Edilizio, Industriale Terziario, Architettura Sostenibile

Situato sul sito di un’ex discarica a San Paolo, in Brasile, il design del Victor Civita Plaza è basato sul crescente problema dei terreni urbani contaminati.  

DISCARICA DIDATTICA: Museo Aperto di sostenibilità

La città di San Paolo del Brasile, in collaborazione con Editora Abril, una delle più grandi case editrici del paese, ha inaugurato lo scorso anno il Victor Civita Plaza –un Museo all’aperto per la sostenibilità.

Situato in una zona urbana centrale, dove prima c’era una discarica e dove è ancora presente un inceneritore di rifiuti ormai inattivo, il progetto prevede una nuova piazza per la collettività, con 130.000 piedi di aree di svago, e introducendo un approccio innovativo per la rivitalizzazione di una zona urbana contaminata.

Come altre aree post-industriali, il sito esistente era degradato e inquinato, come accade in molte delle metropoli che conosciamo. Nel 2006 quindi il governo locale e Editora Abril hanno stretto una partnership per rinnovarlo in modo sostenibile e con missione didattica.

Lo studio che ha realizzato il progetto, Levisky Arquitetos Associados, ha proposto una soluzione che rimediasse alla contaminazione e proponesse uno spazio sostenibile, considerando anche elementi politici, culturali, ambientali e sociali.

Come se fosse una nave, una grande pedana realizzata in legno riciclato brasiliano, l’intervento si adagia sul sito, sorretto da una struttura in acciaio che permette di ridurre al minimo il contatto con il suolo contaminato. Questa nuova struttura prende vita e si snoda, tra andamenti orizzontali e verticali, in una curva che increspandosi genera elementi tridimensionali: grandi stanze urbane, tutte da vivere e sperimentare con nuove realtà ed occasioni per la collettività.

In alcuni punti si creano delle vere e proprie nuove" piazze urbane", che possono ospitare differenti funzioni ed eventi pubblici e che guidano l’utente attraverso una lezione sui processi di sostenibilità, grazie ai pannelli informativi collocati in posizioni strategiche, per introdurre le molte caratteristiche di sostenibilità del progetto, tra cui la storia del legno duro brasiliano riciclato, i sistemi di raccolta delle acque e i bacini di depurazione del suolo.

Chissà se la gestione privata degli spazi pubblici, come in questo caso, può diventare una valida risposta per riqualificare gli spazi dismessi delle nostre città… 

Ilaria Vigorito

Pubblicato:

Mercoledì, 29 Maggio 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus