Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

LA TERRA DEI BAMBINI

Categoria // Nuova Edificazione, Terziario, Architettura Sostenibile

Un centro per l’infanzia per Um al Nasser ad opera dello studio MCA.

MeglioPossibile - La Terra dei Bambini
MeglioPossibile - La Terra dei Bambini

Cosa succede se uniamo la necessità di realizzare un centro polifunzionale per l’infanzia  con pochissime risorse, in una zona semidesertica di confine nella striscia di Gaza?

Se a gestire il tutto è un architetto illuminato e consapevole delle potenzialità derivanti anche dalle tecnologie e dai materiali più semplici e poveri, il risultato non può che essere un edificio in bioarchitettura.

Questo nuovo luogo di incontro, di crescita e di gioco si chiama  “La  Terra  dei  Bambini”, ed è la scuola da poco realizzata da Mario Cucinella in collaborazione con gruppo ARCò – Architettura e Cooperazione  e con l’ONG Vento di Terra. Qui le scarse risorse e l’impossibilità di impiegare  tecnologie complesse o sofisticate a causa dei costi di installazione, delle difficoltà di manutenzione e della mancanza di manodopera specializzata, hanno portato alla realizzazione di un complesso che rielabora le forme della tradizione locale fornendo loro nuova funzione bioclimatica. 

In pochi mesi è stato possibile costruire l’intera struttura sfruttando la tecnica degli “earth bag”, sacchi riempiti di terra e impilati. L’edificio, infatti, ha una conformazione semi-ipogea e questo permette di sfruttare l’inerzia  termica  del  terreno  e  dei  muri,  garantendo temperature interne più basse in estate, e più miti in inverno.

Dal punto di vista energetico, è  stata prevista l’installazione di un impianto a pannelli fotovoltaici sul tetto a cui ha  partecipato attivamente anche la comunità locale, apprendendo tecniche che potranno essere re-impiegate per altri interventi nel territorio.

E’ stato inoltre previsto un sistema di ventilazione  naturale  grazie al sistema a doppia copertura che garantisce l’attivazione di moti convettivi e il riciclo dell’aria calda con quella più fresca proveniente dal basso, e anche la raccolta dell’acqua piovana  avviene attraverso l’ampia copertura aggettante la cui conformazione, ricorda concettualmente quella delle tradizionali tende bedujine.

In fondo si può realizzare molto con molto poco, solo cambiando il modo di pensare e aprendosi ad un clima nuovo e  credendo  in un mondo senza sprechi e ricco di iniziative e creatività.

Questo progetto ne è la dimostrazione.

Ilaria Vigorito

Pubblicato:

Mercoledì, 15 Maggio 2013

Condividi:

blog comments powered by Disqus