Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito usa cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Qui sotto trovi l’informativa completa e le indicazioni per disattivare o rimuovere i cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Cookie

I cookie sono stringhe di testo che raccolgono e memorizzano informazioni sulla navigazione per essere poi ritrasmessi alla successiva visita da parte dell’utente.

I cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, e in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa.

Cookie tecnici

I cookie tecnici servono per “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy) e possono essere di navigazione, analitici e di funzionalità.

Per questa tipologia di cookie NON è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono utilizzati per la trasmissione di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

Cookie di terze parti

I cookie di terze parti sono quelli istallati per conto del gestore del sito da siti differenti.

Per questa tipologia di cookie è richiesto il consenso dell’interessato.

I cookie installati da questo sito.

Il sito ha al proprio interno i seguenti cookie:

Per disattivare, rimuovere o bloccare i cookie è possibile ricorrere alle impostazioni del browser, secondo le loro indicazioni:

Microsoft Windows Explorer

Google Chrome

Mozilla Firefox

Safari

Opera

EDIFICI PUBBLICI

UNA CAPANNA DA LETTURA

Categoria // Nuova Edificazione, Terziario, Architettura Sostenibile

Una piccola biblioteca di paese in Cina rappresenta un esempio perfetto di architettura sostenibile inserita nell’ecosistema locale.

Biblioteca Liyuan
È stata realizzata nel villaggio di Huairou, a poco meno di due ore d’auto dal caos di Pechino, la piccola Biblioteca Liyuan: si può definire un’architettura naturale, quasi spontanea, inserita in un scenario molto suggestivo. In realtà dietro un progetto così semplice c’è uno studio molto approfondito di analisi dell’ambiente e del territorio, delle abitudini e dei materiali naturali locali d’uso abituale in quella zona.
 
Gli architetti dello studio Li Xiaodong Architects spiegano come «considerata la travolgente bellezza della natura, il nostro intervento ha voluto apparire tutto sommato modesto negli esterni. Non potevamo competere con lo splendore del paesaggio. L'edificio si fonde con l’ambiente circostante grazie a un’attenta scelta dei materiali naturali e al posizionamento accurato dell’edificio leggermente fuori dal paese, a cinque minuti a piedi dal nucleo abitato. Dopo aver studiato i materiali costruttivi tipicamente impiegati dalla popolazione nel villaggio, abbiamo trovato una grande quantità di listelli e frasche di legno locale, accatastati attorno a ogni casa e impiegati da ciascuna dimora per alimentare i camini domestici. Così abbiamo deciso di utilizzare quel materiale povero e ordinario in modo straordinario, impiegandolo per il rivestimento dell'edificio».
 
L'interno della costruzione è molto articolato. Nonostante lo spazio sia di piccole dimensioni, la sua fruibilità è stata moltiplicata dalla distribuzione da vari livelli collegati da scalini: sono le piccole variazioni di quota che delimitano e differenziano gli ambienti.
 
La facciata vetrata dell'edificio permette un abbondante afflusso di luce naturale negli spazi della biblioteca, mentre gli elementi di facciata in legno e frasche temperano l’intensità della luce frammentandola e diffondendola uniformemente in tutte le aree, creando un’atmosfera favorevole alla lettura.
 
La sostenibilità di questo intervento è tangibile, e distribuita in tante piccole scelte progettuali. Tutte che vanno a concorrere a un effetto finale molto naturale grazie all’inserimento lieve nell’ambiente e nel territorio, l’utilizzo di materiali naturali locali, la valorizzazione del paesaggio circostante attraverso la sua fruibilità visiva da ogni punto della biblioteca.
 
Ma soprattutto è interessante la scelta di dotare di un luogo dedicato alla lettura un piccolo paese sperduto di montagna, e di realizzarlo con criteri costruttivi familiari, così da non farne un corpo estraneo nel nucleo abitativo, ma al contrario un elemento quasi preesistente e culturalmente omogeneo a disposizione di tutti.
Angelo Cremonesi

Pubblicato:

Giovedì, 05 Gennaio 2012

Condividi:

blog comments powered by Disqus